Morte causata da infezioni da catetere venoso centrale

Assistenza legale per risarcimento

Un tuo caro è deceduto per infezione da CVC?

Contattaci subito per ottenere un inquadramento del caso

Il catetere venoso centrale è estremamente utile per la gestione di alcune tipologie di farmaci durante la degenza in ospedale. Tale tipo di catetere viene posto in una grande vena del collo, del torace, o dell'inguine. L'uso del catetere venoso ventrale è associato ad una serie di rischi che devono essere illustrati nel consenso infomato al fine di consentire al paziente di prendere una decisione consapevole in ordine all'opportunità di sottoporsi al trattamento tramite cvc. I rischi associati all'uso del cvc possono includere pneumotorace (polmone collassato), embolia gassosa (bolle d'aria che ostruiscono il flusso di sangue), ed emorragia.

 

L'INFEZIONE DA CATETERE VENOSO CENTRALE

Il rischio di gran lunga più importante è l'infezione. Gli errori nell'inserimento e nella gestione del catetere venoso centrale rappresentano la causa principale di infezione contratta in ambito ospedaliero. Gli studi attualmente disponibili indicano che le infezioni catetere-correlate arrivano ad interessare fino all’80% dei pazienti delle terapie intensive con una frequenza di 5,3 infezioni per 1000 giorni di cateterismo, una mortalità di circa il 18% ed un prolungamento della degenza di circa 7 giorni.

In molti casi, sebbene il paziente riesca a superare la condizione per la quale era stato ammesso in reparto di terapia intensiva, muore successivamente a causa dell'infezione sviluppata tramite catetere venoso centrale.

Poiché i cateteri sono inseriti nel corpo, qualsiasi tipo di catetere può introdurre batteri o virus (principalmente lo stafilococco) nel flusso sanguigno. L'infezione da stafilococco può essere di tipo minore minore, causando solo eruzioni cutanee e altri lievi problemi della pelle. Tuttavia, in alcuni casi, lo stafilococco può essere mortale, causando polmonite, meningite, sindrome da shock settico, e altre malattie mortali. Un ceppo di stafilococco particolarmente associato all'uso del catetere causa la sepsi, una condizione caratterizzata da un'infiammazione che interessa tutto il corpo. Conosciuta anche come "avvelenamento del sangue," la sepsi causa una disfunzione progressiva degli organi e, se non trattata tempestivamente in modo aggressivo, conduce il paziente alla morte.

 

COME SI VERIFICA L'INFEZIONE DA CATETERE VENOSO CENTRALE?

I cateteri venosi centrali sono sterilizzati. Quindi come è possibile che l'infezione si verifichi? Solitamente, l'infezione entra nel corpo quando l'area intorno al sito di inserimento del catetere non viene pulita abbastanza bene. I protocolli ospedalieri richiedono, in genere, che tale area venga pulita utilizzando una soluzione di iodio o clorexidina. Se è estremamente raro che un medico o un infermiere omettano completamnte di pulire l'area di inserimento del catetere, è possibile che gli angoli del taglio non vengano puliti accuratamente o che il catetere venga infettato perchè toccato o fatto cadere.

 

PREVENZIONE DELL'INFEZIONE

Le infezioni da stafilococco e altre infezioni causate da cateteri venosi centrali sono estremamente pericolosi. In molti casi, non vengono presi abbastanza velocemente per essere trattati bene, e il paziente muore. Quando un paziente ha una estremità affetto da stafilococco, l'amputazione può salvare la vita, ma nel caso di un catetere venoso centrale, l'infezione è in una parte del corpo che non può essere amputato o nel sangue. Anche se il catetere viene rimosso, sei a rischio di sviluppare complicazioni dovute all'infezione.

Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, gli ospedali dovrebbero fornire una formazione in ordine alle infezioni causate da caterere al personale, evitare la sostituzione di routine del catetere, trattare il catetere con massime precauzioni durante l'inserimento al fine di assicurare la sterilità del sito di inserimento e del catetere stesso. Inoltre, ai pazienti ad alto rischio dovrebbero essre somministrati antibiotici come precauzione aggiuntiva.

Pensi che il danno subito da te o da un tuo parente sia stato causato da colpa medica?

Gli avvocati dello Studio legale Stefano Gallo, sono specializzati in lesioni causate da negligenza, imprudenza o imperizia del medico e quindi anche in casi di infezioni da CVC.

Contatta il nostro studio per ottenere un inquadramento medico legale del tuo caso.

Il risarcimento può essere ottenuto sono se vi siano i presupposti sopra descritti. Un attenta analisi del caso da parte di medici legali esperti è, perciò, fondamentale.

Lo studio legale Stefano Gallo è sito in Roma e segue i propri clienti su tutto il territorio nazionale.

Ottieni consulenza gratuita

    Il tuo nome e cognome (richiesto)

    Il tuo numero di telefono (richiesto)

    La tua email

    Sintesi della vicenda e danno subito

    Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applica la Privacy Policy e Termini di servizio di Google.

    Siamo avvocati specialisti in risarcimenti danni

    Ti assistiamo in ogni fase del risarcimento
    Il pagamento? Soltanto a risarcimento ottenuto

    TORNA SU