Acinetobacter: risarcimento

Capisci se l'infezione sia stata causata da errori medici
Ti assistiamo in tutta Italia - La consulenza è gratuita

Rivolgiti ad un avvocato con esperienza in casi di infezioni ospedaliere

stelle-recensioni-5

  • Ha svolto in maniera ineccepibile la causa di malasanità nei confronti di mia madre ormai defunta per un errore di malasanità... Mi ha assistito in modo egregio qui a Roma...
    Mario G.

stelle-recensioni-5

  • ...è stato davvero cordiale professionale e minuzioso nel suo lavoro e posso dire che per i casi di malasanità è preparatissimo e disponibilissimo maniacale nel lavoro davvero un ottimo avvocato è un ottimo studio legale"
    Candido C.

stelle-recensioni-5

  • ...sono rimasta veramente soddisfatta e consiglio a tutti di contattarlo per qualsiasi problema di malasanità. Grazie a Lei Avvocato Gallo ed ai Suoi Collaboratori
    Antonella

Vuoi capire se il decesso del tuo parente poteva essere evitato?

Parla ora con l'avvocato Stefano Gallo per ottenere un'analisi preliminare del caso. La consulenza è gratuita

Sintesi dell'articolo

L'acinetobacter è un tipo di batterio presente nell'ambiente e che può vivere sulla pelle umana. Se i batteri entrano nel corpo, può svilupparsi infezione.

Alcuni tipi di Acinetobacter causano infezioni del sangue, dei polmoni o del tratto urinario.

La maggior parte delle persone sane ha un basso rischio di infezioni da Acinetobacter. Tuttavia, l'uso di cateteri e ventilatori può aumentare il rischio.

Anche le persone che sono in terapia intensiva o hanno condizioni di salute croniche sono più a rischio.

Molti tipi di Acinetobacter sono resistenti ad alcuni antibiotici disponibili, quindi il tipo di trattamento dipenderà dal singolo caso.

La struttura sanitaria deve rispettare protocolli per minimizzare il rischio di infezioni. Se la struttura è negligente nella prevenzione e nel trattamento dell'infezione, i parenti della persona deceduta hanno diritto al risarcimento.

Cos'è l'acinetobacter

L'acinetobacter è un tipo di batterio resistente a molti tipi di antibiotici.

Solitamente è presente in ambienti umidi, come ad esempio: terra e fango, stagni, zone umide, acque reflue, allevamenti ittici, acqua di mare.

Le persone sane possono anche trasportare i batteri Acinetobacter sulla loro pelle, in particolare se lavorano in un ambiente sanitario.

Il batterio può sopravvivere a lungo anche sulle superfici asciutte.

Tutti i tipi di batteri Acinetobacter possono causare infezioni nelle persone.

In questo articolo, ci soffermeremo sui caratteri essenziali delle infezioni da Acinetobacter e su come ottenere il risarcimento in caso di morte da Acinetobacter causata da malasanità.

Perchè è importante il risarcimento

Quando una persona cara subisce danni alla salute o muore a causa di errori medici l'interesse non è tanto quello di ottenere un risarcimento del danno.

Nessun risarcimento può mai compensare il dolore sofferto dalla vittima e dai suoi familiari.

L'interesse dei parenti è piuttosto quello di fare in modo che i sanitari e la struttura sanitaria  capiscano di aver sbagliato ed evitino in futuro di commettere i medesimi errori.

Il risarcimento, diversamente dalla causa penale, può realizzare questa importante funzione dissuasiva nei confronti dei responsabili.

Sebbene i seguenti esempi di risarcimenti ottenuti dal nostro studio non possano garantite che il tuo caso abbia successo, possono dati un idea di ciò che siamo stati in grado di realizzare in casi simili al tuo.

Contattaci per capire quanto potresti ottenere come risarcimento.

Esempio di risarcimento ottenuto (senza andare in causa)

€ 660.000

Caso di una bambina deceduta a cinque mesi di vita dopo aver subito una encefalopatia ipossico-ischemica perinatale. Il danno patito dalla bambina era stato talmente grave da ridurla in stato vegetativo permanente e da procurarle una disfunzione multiorgano ed un'infezione mortale.

Il  danno cerebrale ed il conseguente decesso avrebbero potuto essere evitati se i sanitari avessero preso in considerazione la sofferenza fetale in atto e velocizzato parto mediante taglio cesareo d'urgenza.

Esempio di risarcimento ottenuto (senza andare in causa)

€ 560.000

Caso di decesso di una paziente avvenuto a qualche giorno di distanza da un intervento chirurgico di resezione segmentaria del colon.

La signora dopo l’intervento sviluppava una gravissima condizione di setticemia (cagionata dal cedimento della sutura della zona operata).

Durante la degenza post-operatoria non veniva tuttavia diagnosticata tale grave condizione infettiva, da cui conseguiva, purtroppo, il decesso della paziente.

Esempio di risarcimento ottenuto (senza andare in causa)

€ 300.000

Caso di un paziente anziano deceduto a causa di errori nella diagnosi e nel trattamento di piaghe da decubito commessi da parte di una R.S.A.

L'anziano in seguito ad una caduta veniva ricoverato in una RSA dove si rilevava nel paziente un elevato rischio di lesioni cutanee. Nei successivi mesi il pazie te sviluppava diverse piaghe da decubito, un'infezione da stafilococco aureo e un'infezione urinaria grave. Veniva trasferito più volte in ospedale, ma infine decedeva all'interno della RSA.

I danni risarcibili in caso di morte da acinetobacter

Al termine della causa contro l'ospedale, è possibile ottenere il risarcimento per i danni seguenti:

  • Danno alla salute della persona deceduta. Si tratta della compromissione dell'integrità psico-fisica patita dalla vittima nel periodo tra l'errore medico ed il decesso.
  • Danno morale terminale della persona deceduta. Viene riconosciuto nel caso la vittima abbia avuto lucida consapevolezza dell'approssimarsi della morte.
  • Danno morale dei familiari. Si tratta del danno scaturente dalle lesione dell'interesse alla intangibilità della sfera degli affetti e della reciproca solidarietà nell'ambito della famiglia e alla inviolabilità della libera e piena esplicazione delle attività realizzatrici della persona umana nell'ambito di quella peculiare formazione sociale costituita dalla famiglia, la cui tutela ricollegabile agli artt. 2, 29 e 30 Cost.
  • Danno economico dei familiari. L'art. 137 del D.Lgs. 209/2005 stabilisce che "nel
    caso di danno alla persona, quando agli effetti del risarcimento si debba
    considerare l'incidenza dell'inabilità temporanea o dell'invalidità
    permanente su un reddito di lavoro comunque qualificabile, tale reddito si
    determina, per il lavoro dipendente, sulla base del reddito di lavoro,
    maggiorato dei redditi esenti e al lordo delle detrazioni e delle ritenute di
    legge, che risulta il più elevato tra quelli degli ultimi tre anni". Il terzo
    comma prevede, infine, che: "In tutti gli altri casi il reddito che occorre
    considerare ai fini del risarcimento non può essere inferiore a tre volte
    l'ammontare annuo della pensione sociale”.

L'interesse dei parenti è piuttosto quello di fare in modo che i sanitari e la struttura sanitaria  capiscano di aver sbagliato ed evitino in futuro di commettere i medesimi errori.

Sintomi di infezione da acinetobacter

Un tipo di Acinetobacter chiamato Acinetobacter baumannii causa la maggior parte delle infezioni negli esseri umani.

Questo tipo di Acinetobacter può causare una varietà di infezioni nelle persone, tra cui:

  • infezioni del sangue
  • infezioni del tratto urinario
  • polmonite, un'infezione dei polmoni
  • infezioni nelle ferite

I sintomi variano a seconda del tipo di infezione causata dai batteri. Le persone possono avere i seguenti sintomi per ogni tipo di infezione.

Infezione del sangue:

  • febbre
  • brividi
  • vomito
  • confusione

Infezione del tratto urinario:

  • frequente bisogno di urinare
  • dolore o sensazione di bruciore durante la minzione
  • sangue nelle urine
  • urina torbida
  • urina maleodorante

Polmonite:

  • febbre
  • brividi
  • tosse

Infezione della ferita:

  • arrossamento e pus dentro o intorno alla ferita
  • febbre
  • dolore intorno alla ferita

I sintomi di un'infezione da Acinetobacter possono manifestarsi ovunque tra 4 e 40 giorni dopo che la persona sia entrata in contatto con i batteri, ma di solito compaiono entro circa 12 giorni.

L'acinetobacter potrebbe non produrre sempre sintomi. Una persona può anche trasportare i batteri dentro e sul proprio corpo senza che ciò causi infezioni.

Vuoi vederci chiaro e capire le cause della morte del tuo parente?

Possiamo analizzare - senza costi - la documentazione sanitaria e dirti se la tua famiglia abbia diritto al risarcimento

Tipi di infezione da acinetobacter

Esistono più di 50 specie di batteri Acinetobacter. L'Acinetobacter baumannii è la specie che causa circa l'80% delle infezioni segnalate da Acinetobacter nell'uomo.

Acinetobacter calcoaceticus e Acinetobacter lwoffii sono altri due tipi di batteri che comunemente causano infezioni.

I ricercatori hanno trovato i suddetti tipi di Acinetobacter, così come pochi altri tipi, su verdure, latticini, carne, bestiame e pelle umana. Questa scoperta suggerisce che ci sono molti modi in cui gli esseri umani possono entrare in contatto con i batteri Acinetobacter.

Questi ceppi di Acinetobacter hanno tutti una forte resistenza agli antibiotici.

Trattamento dell'infezione da acinetobacter

Poiché i ceppi di Acinetobacter sono spesso resistenti a molti tipi di antibiotici comunemente prescritti, il medico deciderà quale trattamento sia il migliore in ciascun caso.

I medici analizzeranno i batteri Acinetobacter che causano l'infezione in un laboratorio. Ciò consentirà loro di determinare quali antibiotici potrebbero essere adatti per combatterli.

Il medico sceglierà l’antibiotico che agisca efficacemente contro i batteri, tenendo conto di eventuali effetti collaterali. Valuterà anche se gli antibiotici interferiranno con qualsiasi altro farmaco che la persona stia assumendo.

La maggior parte dei batteri Acinetobacter sono resistenti a quasi tutti i tipi di antibiotici, incluso un potente gruppo di antibiotici chiamati carbapenemi.

Se una persona contrae questa infezione da Acinetobacter, il medico può riferirsi ad essa come infezione da Acinetobacter resistente ai carbapenemi (CRAB).

Il medico può utilizzare altri trattamenti antibiotici, come antibiotici beta-lattamici o altri farmaci antimicrobici per trattare l'infezione. I ricercatori stanno anche studiando nuovi antibiotici, che potrebbero essere un'opzione di trattamento in futuro.

Prevenzione dell'infezione da acinetobacter

Praticare una corretta igiene e pulire a fondo le apparecchiature mediche e gli ambienti sanitari può aiutare a prevenire le infezioni da Acinetobacter.

Gli operatori sanitari e i pazienti possono adottare le seguenti precauzioni:

  • assumere antibiotici solo quando necessario ed esattamente come prescritto dal medico
  • pulizia quotidiana delle stanze e delle strutture dell'ospedale
  • pulire rigorosamente le apparecchiature e le superfici mediche
  • indossare abiti e guanti quando si tratta una persona con un'infezione da Acinetobacter

Lavarsi accuratamente le mani è anche molto importante per aiutare a prevenire le infezioni da Acinetobacter.

I sanitari, in particolare, dovrebbero assicurarsi di lavarsi le mani:

  • prima di preparare o mangiare il cibo
  • dopo aver usato il bagno
  • prima di toccare la bocca, il naso o gli occhi
  • prima e dopo l'uso di qualsiasi attrezzatura medica, in particolare tubi e cateteri che entrano nel corpo
  • prima e dopo aver medicato le ferite o aver cambiato le bende
  • dopo aver tossito, starnutito o soffiato il naso
  • dopo aver toccato superfici in strutture sanitarie, come maniglie e comodini
  • dopo aver toccato telefoni o telecomandi

Fattori di rischio di infezione ospedaliera

I pazienti devono affrontare diversi fattori di rischio di acquisizione di un'infezione quando vengono ricoverati in un ospedale o in una struttura medica, come una RSA. La probabilità di contrarre un'infezione può dipendere dai loro contatti con il personale ospedaliero, dai protocolli di pulizia ospedaliera o dalle condizioni di salute del paziente.

Fattori di rischio per il paziente

I pazienti possono essere sensibili a batteri e germi che si trovano in stanze d'ospedale, letti o oggetti contaminati all'interno della struttura. I batteri possono anche essere dispersi nell'aria, rendendo difficile il controllo. Tuttavia, ci sono diversi fattori che possono contribuire all'acquisizione di un'infezione da parte del paziente, tra cui:

  • La durata della degenza del paziente
  • La gravità della malattia o della lesione del paziente
  • La forza del sistema immunitario del paziente
  • Contatti che il paziente ha avuto con i membri del personale ospedaliero, gli operatori sanitari o altri pazienti

Fattori di rischio organizzativo

I pazienti possono sviluppare un'infezione a causa delle procedure organizzative dell'ospedale o della struttura medica. Ciò può includere:

  • La pulizia della struttura e l'impostazione del trattamento
  • La pulizia dei sistemi idrici
  • La sanificazione delle superfici degli edifici
  • Sterilità di dispositivi e procedure mediche
  • La pulizia del sistema di areazione dell'ospedale
  • Il numero di pazienti in cura presso la struttura
  • La vicinanza dei pazienti in cura o che risiedono uno accanto all'altro

Fattori di rischio iatrogeno

Gli operatori sanitari e il personale ospedaliero devono adottare misure adeguate per prevenire la diffusione di germi e batteri infettivi. I pazienti possono essere a rischio di contrarre un'infezione durante il trattamento medico a seconda delle seguenti circostanze:

  • La frequenza con cui gli operatori sanitari e i membri del personale si lavano le mani prima e dopo aver interagito con i pazienti
  • L'uso di antibiotici che prevengono o curano le infezioni
  • Il livello di assistenza che medici, infermieri e chirurghi utilizzano durante le procedure invasive, come l'intubazione, il cateterismo o la somministrazione di farmaci per via endovenosa
  • Il grado di cautela che i membri del personale e gli operatori sanitari esercitano quando svolgono le normali mansioni del loro lavoro

Negligenza medica in caso di infezione

la struttura sanitaria può essere ritenuta responsabile dell'infezione di un paziente quando è possibile stabilire un nesso causale tra:

  • i protocolli medici errati della struttura e l'infezione del paziente oppure
  • le condotte errate dei sanitari della struttura e le condizioni del paziente.

In particolare, il diritto al risarcimento può configurarsi se la struttura sanitaria o i suoi medici non abbiano rispettato gli standard previsti dalla comunità medica in relazione al il trattamento dei pazienti. Ciò può includere pratiche negligenti come:

  • Carenza di personale
  • Mancata attuazione di adeguate procedure di pulizia e sterilizzazione
  • Trascurare la manutenzione o la riparazione di apparecchiature mediche
  • Non riuscire a separare o mettere in quarantena i pazienti con infezioni dalla popolazione generale

Premio Avvocato 2019 settore Risarcimento Danni

stefano-gallo-miglior-avvocato-risarcimento-danniL'avv. Stefano Gallo è stato vincitore del premio "Le Fonti Awards" come Avvocato dell'anno Risarcimento Danni 2019 

video-awards

Denuncia per morte da acinetobacter

Differentemente da quanto di possa immaginare, in caso di danni infezione ospedaliera causati da negligenza medica, non è consigliabile denunciare penalmente il medico, tantomeno l’ospedale per una serie di ragioni. La procedura da seguire è invece la seguente:

1) Primo contatto con lo Studio legale

2) Colloquio con l'avvocato

3) Analisi del caso ed ottenimento dell'eventuale parere di procedibilità

4) Conferimento dell'incarico e patto sul compenso

5) Redazione della relazione medico-legale e inoltro della lettera di diffida e costituzione in mora

6) Procedura conciliativa giudiziale (ATP)

7) Causa (giudizio sommario)

Avvocato malasanità per morte da acinetobacter

Gli avvocati dello Studio Stefano Gallo (GrdLex) hanno esperienza in casi di decesso causato da infezione ospedaliera causata da di negligenza, imprudenza o imperizia medica.

Lo Studio Legale Stefano Gallo è sito in Roma segue i propri clienti in tutta Italia.

Analizzeremo  la vicenda del tuo caro e ti diremo se sia possibile ottenere il risarcimento dei danni.

Il nostro studio paga di tutte le spese della procedura ed ha diritto al compenso solo in caso di vittoria.

Per una consulenza gratuita:

Ottieni consulenza gratuita

    Il tuo nome e cognome (richiesto)

    Il tuo numero di telefono (richiesto)

    La tua email

    Sintesi della vicenda e danno subito

    Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applica la Privacy Policy e Termini di servizio di Google.

    Siamo avvocati specialisti in risarcimenti danni

    Ti assistiamo in ogni fase del risarcimento
    Il pagamento? Soltanto a risarcimento ottenuto

    TORNA SU