Ipertensione polmonare persistente del neonato

Assistenza legale e medico legale per difetti congeniti
causati da farmaci prescritti o non interrotti in gravidanza

Studi scientifici recenti hanno collegato determinati antidepressivi a un difetto congenito respiratorio raro noto come l'ipertensione polmonare persistente del neonato (PPHN). Segni e sintomi di ipertensione polmonare persistente del neonato includono respirazione rapida (tachipnea), difficoltà respiratoria, soffio cardiaco e bassi livelli di ossigeno.

Gli avvocati di GRDLEX possono assistere, su tutto il territorio nazionale ed all'estero, le famiglie di bambini affetti da ipertensione polmonare persistente collegata a difetti congeniti causati dalla prescrizione o dalla mancata interruzione di farmaci teratogeni, come gli antidepressivi della categoria PPHN, durante la gravidanza o in età fertile.

 Per sapere se puoi ottenere il risarcimento dei danni, ottieni una consulenza gratuita contattandoci al 06-90281097 o a info@gredlex.com

In base ai risultati di uno studio del 2012 pubblicato sul British Medical Journal (BMJ), le donne che usano inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) durante la gravidanza hanno un rischio significativamente maggiore di dare alla luce bambini con ipertensione polmonare persistente . In un'analisi completa di oltre 1,6 milioni di nati vivi, l'esposizione ad antidepressivi SSRI durante il secondo trimestre di gravidanza è stata associata a un raddoppiamento del rischio di ipertensione polmonare persistente.

Ipertensione polmonare persistente del neonato: panoramica

L'ipertensione polmonare persistente del neonato è un raro difetto congenito alla nascita che si traduce nel progressivo restringimento dei vasi sanguigni dei polmoni. I polmoni contengono milioni di minuscoli vasi sanguigni chiamati capillari, che sono allineati con cellule endoteliali che impediscono al sangue di fuoriuscire dai vasi. All'esterno dei vasi sanguigni vi sono le cellule muscolari che si espandono e si contraggono mentre il sangue, pompato dal cuore, fluisce nei polmoni.
L'ipertensione polmonare persistente del neonato si verifica quando questi vasi sanguigni smettono di funzionare nel modo in cui sono stati progettati. Questo accade quando le cellule all'interno dei vasi sanguigni si indeboliscono e permettono al sangue di fuoriuscire. Questo fa sì che le cellule muscolari esterne si restringano, il che porta infine alla pressione arteriosa polmonare e impedisce al sangue del cuore di essere ossigenato nei polmoni.
L'ipertensione polmonare persistente del neonato è spesso il risultato di un difetto alla nascita congenito noto come dotto arterioso (PDA). Normalmente, quando il bambino si sviluppa nell'utero, il dotto arterioso è un vaso sanguigno che funge da meccanismo di smistamento che consente al sangue di bypassare i polmoni pieni di liquido, che promuove la forza cardiaca e previene l'affaticamento del cuore e dei polmoni. Una volta che il bambino nasce e inizia a respirare da solo, il dotto arterioso si chiude per consentire al sangue di entrare nei polmoni e ricevere ossigeno. Nei bambini nati con PDA, tuttavia, il dotto arterioso non riesce a chiudersi dopo la nascita, il che fa aumentare il sangue nei polmoni, portando infine alla ipertensione polmonare persistente del neonato. Se la condizione non viene trattata, può verificarsi ipossia, che è una condizione in cui il corpo non riceve abbastanza ossigeno, mettendo tutti gli organi e sistemi del corpo a rischio di fallimento.

Sintomi di ipertensione polmonare persistente del neonato

Segni e sintomi di ipertensione polmonare persistente del neonato indotta da antidepressivi possono includere (ma non sono limitati a):

  • Respirazione rapida (tachipnea)
  • Battito cardiaco veloce
  • Problema respiratorio
  • Narici infiammate
  • Grugniti
  • Colorito bluastro delle labbra e della pelle (cianosi)
  • Soffio al cuore
  • Bassi livelli di ossigeno - un bambino con ipertensione polmonare persistente può continuare ad avere bassi livelli di ossigeno nel sangue, anche mentre riceve il 100 percento di ossigeno.

Il 19 luglio 2006, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha emesso un comunicato stampa che metteva in guardia il pubblico sul legame tra gli SSRI e l'ipertensione polmonare persistente del neonato. L'avvertimento è arrivato in risposta a uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine (NEJM) che ha rilevato che la PPHN era sei volte più comune nei bambini nati da madri che hanno assunto un SSRI dopo la 20 ° settimana di gravidanza rispetto alle donne del popolazione generale che non hanno assunto antidepressivi del genere.

Trattamento

L'obiettivo principale del trattamento della ipertensione polmonare persistente del neonato indotta da antidepressivi comporta un aumento dei livelli di ossigeno negli organi del bambino per evitare complicazioni a lungo termine. Il trattamento può includere un'ampia gamma di opzioni di ventilazione meccanica e terapia respiratoria, tra cui:

  • Ossigeno: l'ossigeno può essere somministrato al bambino attraverso una maschera o un cappuccio di plastica.
  • Ventilazione assistita: un tubo viene inserito nell'esofago del bambino e un ventilatore consente la respirazione del bambino.
  • Ossido nitrico (N2O) - N2O ha dimostrato di essere efficace nel trattamento di ipertensione polmonare persistente perché rilassa i vasi sanguigni contratti e migliora il flusso di sangue ai polmoni.
  • Ventilazione oscillatoria ad alta frequenza: può migliorare i livelli di ossigeno in caso di fallimento di altre opzioni terapeutiche.
  • Ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) - Simili a una macchina per bypass cuore-polmone, i dispositivi ECMO erogano ossigeno al cervello e al corpo come supporto temporaneo mentre la ipertensione polmonare persistente si risolve.

Prognosi

Le prospettive a lungo termine per i bambini nati con ipertensione polmonare persistente dipendono in gran parte dalla condizione sottostante che la sta causando e dal fatto se sia stato istituito un trattamento. Le statistiche mostrano un tasso di sopravvivenza di circa tre anni per i pazienti che non subiscono alcuna terapia. Altri fattori che possono influenzare la prognosi includono sintomi gravi, età di insorgenza superiore a 45 anni, scompenso cardiaco destro e mancata risposta al trattamento. Per i pazienti con ipertensione polmonare persistente trattati e che rispondono bene, la prospettiva a lungo termine è di gran lunga migliore. Attualmente sono in corso studi per determinare i regimi di trattamento ottimali.

C'è un limite di tempo per presentare una richiesta di danni per difetti del tubo neurale?

Anche se incoraggiamo tutti i nostri potenziali clienti a prestare molta attenzione nella scelta del loro avvocato per danni da farmaco, è importante capire che il tempo è essenziale. Il termine di prescrizione è di dieci, cinque o tre anni dalla diagnosi del difetto congenito. Trascorso tale periodo non si ha più il diritto all'eventuale risarcimento e non è più possibile esercitare la relativa azione legale. Inoltre, non siamo in grado di fornirti consulenza legale senza prima valutare il tuo caso. Di conseguenza, si prega di prendere il tempo ora di contattarci utilizzando il modulo di contatto e-mail riservato qui sotto o chiamandoci

Consulenza Legale Gratuita

Tu o un tuo caro siete i genitori di bambini nati affetti da difetti cardiaci e conseguente ipertensione polmonare persistente in seguito alla prescrizione o alla mancata interruzione di farmaci teratogeni durante la gravidanza o alla mancata informazione circa i rischi nei confronti di donne in età fertile o in gravidanza? I nostri avvocati con esperienza in malasanità farmaceutica possono aiutarti a capire come ottenere giustizia ed assisterti nell'azione legale contro il sanitario e/o la struttura sanitaria o la casa farmaceutica.

 Per una consulenza gratuita contatta il nostro studio con una delle seguenti modalità:

 

Ottieni consulenza gratuita

    Il tuo nome e cognome (richiesto)

    Il tuo numero di telefono (richiesto)

    La tua email

    Sintesi della vicenda e danno subito

    Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applica la Privacy Policy e Termini di servizio di Google.

    Siamo avvocati specialisti in casi di errore medico

    Ti assistiamo in ogni fase del risarcimento
    Il pagamento? Soltanto a risarcimento ottenuto

    TORNA SU