Domanda:

Era buio e stavo guidando un camion che trasporta pezzi d’arredamento, quando la corda e le cinghie che tenevano fermo un mobile si sono rotte, provocando la caduta dello stesso su strada. Ho chiamato prontamente il 112 mentre nel frattempo varie automobili schivavano l’oggetto caduto in strada.

Prima dell’arrivo della polizia, un conducente di un motoveicolo che sopraggiungeva ad alta velocità, colpisce un SUV e viene catapultato su strada andando ad urtare la mobilia.. L’uomo non era munito di casco e il motoveicolo non era stato sottoposto a revisione. Inoltre, i test tossicologici dimostravano, da parte dello stesso, l’utilizzo di sostanze stupefacenti.

Sono stato chiamato in causa tre mesi dopo l’incidente per aver trasportato carichi pericolosi. La famiglia del deceduto ha il diritto di intraprendere una causa contro di me? Grazie.

Disclaimer: le informazioni fornite in risposta non sono consigli legali di natura oggettiva. Sono informazioni generiche basate sui pochi dati pervenutici. In nessun modo le informazioni da noi fornite in questo caso, o altrove nel sito, devono essere prese alla lettera nella risoluzione di questioni di natura legale. Le nostre risposte non devono essere considerate dritte legali assolute, assicuratevi pertanto di rivolgervi ad un avvocato competente nella vostra zona per ricevere dritte specifiche.

Risposta:

Ognuno può chiamare in causa chi vuole a prescindere dalle ragioni. Sta al giudice giudicare la veridicità dei fatti. Per quanto riguarda il fattore responsabilità, sembra che lei abbia fatto il possibile per avvertire la polizia e per evitare qualsiasi eventuale incidente.

La questione principale su cui interrogarsi è capire se il motociclista possa aver contribuito a procurarsi l'incidente di cui è rimasto vittima. Ad esempio, se il mobile non fosse caduto su strada, il motociclista avrebbe evitato l’incidente? Probabilmente no. Sembra proprio che in questo caso lo stato d’alterazione del conducente su due ruote abbia contribuito, se non direttamente causato, lo scontro che l’ha portato alla morte.

Dopo aver compreso che probabilmente la caduta del motociclista è da attribuire al suo stato d'ebbrezza, bisogna porsi la seguente domanda: se in strada non vi fosse stata la mobilia caduta dal suo furgone, il motociclista sarebbe morto lo stesso? Le probabilità che un motociclista privo d'elmetto riporti ferite mortali dopo aver urtato un SUV, anche a velocità moderate, sono altissime. Si potrebbe, quindi ritenere che anche se la strada fosse sgombra il decesso si sarebbe ugualmente verificato.

Come abbiamo detto all’inizio, chiunque può essere chiamato in causa. Tuttavia, in questo caso non sembrano esserci buone possibilità di vincita per la famiglia del deceduto.

I nostri migliori auguri.

GRDLEX

GRDLEX

Ottieni consulenza gratuita

    Il tuo nome e cognome (richiesto)

    Il tuo numero di telefono (richiesto)

    La tua email

    Sintesi della vicenda e danno subito

    Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applica la Privacy Policy e Termini di servizio di Google.

    Siamo avvocati specialisti in risarcimenti danni

    Ti assistiamo in ogni fase del risarcimento
    Il pagamento? Soltanto a risarcimento ottenuto

    TORNA SU