Ritardo di crescita del feto

Assistenza legale e medico legale per ritardo di crescita intrauterina
causata farmaci assunti in gravidanza

Gli avvocati di GRDLEX possono assistere, su tutto il territorio nazionale ed all'estero, le famiglie di bambini affetti da ritardo di crescita intrauterina causata da farmaci prescritti o non sospesi durante la gravidanza.

 Contattaci per una consulenza gratuita al 06-90281097 o a info@gredlex.com

L'assunzione di farmaci teratogeni durante la gravidanza può interferire con il normale sviluppo fetale e portare a un ritardo della crescita, una condizione caratterizzata da un tasso di crescita fetale più lento rispetto alla norma. Il ritardo della crescita può avere effetti collaterali catastrofici a di tipo permanente, tra cui il ritardo dello sviluppo cognitivo, il danno neurologico, il diabete, l'ipertensione e le malattie cardiache.

Come viene definito il ritardo della crescita?

Il peso alla nascita è generalmente un ottimo indicatore delle possibilità di sopravvivenza, crescita, salute a lungo termine e sviluppo psicosociale del neonato. Un basso peso alla nascita (tipicamente caratterizzato da meno di 2.500 grammi) solleva bandiere rosse indicanti gravi rischi per la salute dei bambini. I bambini che sono denutriti nel grembo materno hanno un rischio significativamente maggiore di morire durante i loro primi mesi e anni di vita. Coloro che sopravvivono all'infanzia hanno una compromissione della funzione immunitaria e un aumento del rischio di malattia - sono suscettibili di soffrire di una forza muscolare notevolmente ridotta ed hanno una maggiore incidenza di diabete e malattie cardiache. I bambini nati sottopeso tendono anche ad avere disabilità cognitive e QI inferiore, con conseguenti ricadute sulle loro prestazioni scolastiche e le loro future opportunità lavorative da adulti.
Il ritardo di crescita intrauterino (IUGR), che è anche comunemente definito come restrizione della crescita intrauterina, è una condizione in cui il feto non è in grado di raggiungere le sue dimensioni e il peso geneticamente predeterminati. Al fetoi è diagnosticato IUGR se sembra essere più piccolo del previsto - in particolare, se l'ecografia indica che il suo peso è inferiore al 10 ° percentile per la sua età gestazionale.

Lo sviluppo fetale normale si verifica in tre fasi principali:

  • Fase uno: dalla quarta settimana alla terza settimana di gravidanza: - questa fase è caratterizzata da un rapido sviluppo e moltiplicazione cellulare.
  • Fase due: Durante le settimane 20-28 - questa fase coinvolge le cellule che crescono di dimensioni ad un ritmo rapido.
  • Fase tre: tra le settimane 28-40 - questa fase comporta lo sviluppo di tessuto adiposo, muscolare e connettivo, nonché la continua crescita cellulare.

A seconda della fase interessata, IUGR sarà classificato in una delle due categorie separate e distinte:

  • IUGR simmetrico o primario - Caratterizzato da ridotte dimensioni di tutti gli organi interni. L'IUGR simmetrico rappresenta circa il 20-25% di tutti i casi segnalati di IUGR.
  • IUGR asimmetrico o secondario: caratterizzato dal fatto che la testa e il cervello hanno dimensioni normali, ma l'addome è più piccolo. IUGR asimmetrico non è generalmente identificabile fino al terzo trimestre.

Segni e sintomi del ritardo di crescita intrauterino

I bambini nati con IUGR hanno più probabilità di avere alcuni problemi di salute sia durante la gravidanza che dopo la nascita. I problemi possono includere:

  • difficoltà nel gestire lo stress del parto vaginale
  • aumento del rischio nascere morto
  • basso livello di zucchero nel sangue alla nascita
  • minore resistenza alle infezioni
  • problemi a mantenere la temperatura corporea
  • numero di globuli rossi anormalmente alto

Come viene diagnosticato l'IUGR?

Il ginecologo valuterà le dimensioni dell'utero della donna durante un esame pelvico durante il primo trimestre di gravidanza. Dopo di ciò, la crescita del bambino viene controllata misurando la pancia della madre in attesa in ogni visita prenatale. Se la misura è inferiore a quella prevista nella data rilevazione, il medico eseguirà un'ecografia per individuare le dimensioni e il peso del bambino.

Trattamento dell'IUGR

Nonostante una serie di nuove scoperte mediche, il trattamento ottimale per il ritardo della crescita intrauterina rimane problematico. Nella maggior parte dei casi, il trattamento dipenderà dall'età gestazionale della donna. Se l'età gestazionale è di 34 settimane o superiore, si può raccomandare che la donna venga indotta al parto. Se l'età gestazionale è inferiore a 34 settimane, gli operatori sanitari continueranno a monitorare il benessere fetale del bambino e la quantità di liquido amniotico durante questo periodo. Se uno dei due aspetti diventa problematico, allora il parto immediato può essere raccomandato.

Esiste un limite di tempo per presentare una causa per il ritardo della crescita?

Anche se incoraggiamo tutti i nostri potenziali clienti a prestare molta attenzione nella scelta del loro avvocato per danni da farmaco, è importante capire che il tempo è essenziale. Il termine di prescrizione è di dieci, cinque o tre anni dalla diagnosi del difetto congenito. Trascorso tale periodo non si ha più il diritto all'eventuale risarcimento e non è più possibile esercitare la relativa azione legale. Inoltre, non siamo in grado di fornirti consulenza legale senza prima valutare il tuo caso. Di conseguenza, è consigliabile muoversi per tempo se non si desidera incorrere nella prescrizione.

Consulenza Legale Gratuita

Se tu o un tuo caro siete i genitori di bambini affetti da ritardo di crescita intrauterino in seguito alla prescrizione o alla mancata interruzione di farmaci teratogeni durante la gravidanza, i nostri avvocati con esperienza in malasanità farmaceutica possono aiutarti a capire come ottenere giustizia ed assisterti nell'azione legale contro il sanitario e/o la struttura sanitaria o la casa farmaceutica.

Per una consulenza gratuita contatta il nostro studio con una delle seguenti modalità:

  • chiama il 06-90281097 oppure
  • compila il modulo online oppure
  • scrivi ad info@studiolegalestefanogallo.it
  •  

    Ottieni consulenza gratuita

      Il tuo nome e cognome (richiesto)

      Il tuo numero di telefono (richiesto)

      La tua email

      Sintesi della vicenda e danno subito

      Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applica la Privacy Policy e Termini di servizio di Google.

      Siamo avvocati specialisti in casi di errore medico

      Ti assistiamo in ogni fase del risarcimento
      Il pagamento? Soltanto a risarcimento ottenuto

      TORNA SU