Uso eccessivo di anti-psicotici nelle case di cura per anziani

Nel presente articolo verrà trattato il tema dell'uso eccessivo di farmaci anti-psicotici in pazienti anziani, diventato di dominio pubblico in seguito ad un rapporto di Human Right Watch sulle case di cura degli USA. Benché i dati raccolti dal rapporto facciano riferimento agli Stati Uniti, le conclusioni della ricerca possono trovare applicazione in merito a problematiche simili qualora si verifichino anche in Italia.

I farmaci antipsicotici (come Abilify, Risperdal e Zyprexa) sono tra i farmaci più comunemente prescritti negli USA. Tuttavia, un rapporto dirompente rilasciato da Human Rights Watch ha rilevato che, egli USA, a decine di migliaia di anziani con demenza vengono prescritti farmaci antipsicotici in modo inappropriato.

Lo studio afferma che quasi 180.000 residenti in strutture di cura a lungo termine stanno ricevendo questi farmaci non approvati. Inoltre, si ritiene che circa 15.000 pazientidi case di cura muoiano ogni anno a causa di eccesso di anti-psicotici. L'uso di questi farmaci al di là del loro scopo ha inutilmente messo in pericolo i pazienti vulnerabili.

Prendersi cura dei pazienti anziani con demenza

La demenza è una diminuzione progressiva della funzione mentale, con una spirale di compromissione nel tempo che va da lieve a moderata a grave Oltre cinque milioni di persone negli Stati Uniti soffrono di morbo di Alzheimer, la forma più comune di demenza. Gli individui con demenza cominceranno a perdere memoria, dimostreranno scarsa capacità di giudizio e ragionamento e svilupperanno problemi di salute potenzialmente letali.

Dati questi profondi cambiamenti, è fondamentale che i pazienti siano resi il ​​più a proprio agio possibile e controllati da vicino. Nei casi di demenza avanzata, gli individui ricevono cure palliative per alleviare i sintomi irreversibili del declino mentale. E' qui che gli antipsicotici e il loro uso come restrizioni chimiche improvvisate entrano in gioco.

I fatti sull'eccessivo dosaggio di antipsicotici

Un rapporto del CMS del 2010 ha rilevato che oltre il 17% di tutti i pazienti di case di cura negli USA ricevevano farmaci antipsicotici che superano i livelli raccomandati su base giornaliera. Circa 1 su 5 pazienti in quasi 16.000 case di cura ricevono farmaci antipsicotici non solo non necessari ma anche estremamente pericolosi per i pazienti più anziani. La Food and Drug Administration (FDA) non crede che i farmaci antipsicotici siano un modo efficace o sicuro per trattare i sintomi associati alla demenza. Ciò include anche qualsiasi psicosi correlata alla demenza, per la quale non esiste un farmaco approvato. E mentre oggi ci sono in USA 5 milioni di pazienti con malattia di Alzheimer o altre forme di demenza, si ritiene che il numero aumenterà fino a 16 milioni entro il 2050. Stiamo esaminando un problema che crescerà, se non affrontato in modo aggressivo ora.

Le radici di un'epidemia

L'eccessiva somministrazione di farmaci antipsicotici in USA può essere ricondotta a due fattori. Il primo è costituito da e case di cura con personale scarsamente addestrato o con carenza di personale. Il secondo è la spinta a trattare prima ed a fare domande più tardi.

Se usati correttamente, i farmaci sono un modo efficace per trattare le malattie mentali. Ma molte case di cura sono diventate troppo dipendenti dai farmaci come cura per tutto, incoraggiati dalle principali case farmaceutiche. Gli operatori sanitari possono scegliere di somministrare ad un paziente con demenza un antipsicotico al fine di calmarlo. Se ciò rende il paziente docile, l'impatto sullo suo stato mentale già compromesso può essere importante. Le gravi complicazioni sulla salute del paziente (come una frattura all'anca non diagnosticata, ad esempio) possono passare inosservate e la sua qualità di vita ne risentirà.

Segni di uso eccessivo di farmaci anti-psicotici

Sebbene uno sforzo condotto dai Centers for Medicare e Medicaid Services abbia ridotto l'uso di farmaci antipsicotici del 35%, c'è ancora molto lavoro da fare. Se ritieni che una persona cara possa essere stata sottoposta ad un'eccessiva somministrazione di farmaci da parte di una casa di cura, tieni presente che alcune circostanze d'allarme includono:

  • Esaurimento o affaticamento
  • Comportamento irregolare o cambiamenti di personalità
  • Sonno eccessivo
  • Disturbi fisici insoliti o complicazioni di salute

Il farmaco antipsicotico usato male ha suoi rischi peculiari. Si ritiene che gli antipsicotici atipici triplicino il rischio di morte o di ospedalizzazione anche dopo un mese di utilizzo. È stato anche scoperto che i pazienti affetti da demenza in cura con antipsicotici hanno un tasso di mortalità doppio rispetto ai pazienti che non assumono antipsicotici. I farmaci antipsicotici sono stati anche collegati a lesioni cerebrali, ictus, infezioni al torace e sintomi che assomigliano alla malattia di Parkinson.

Azioni legali promosse

Molte cause legali e denunce presentate negli ultimi anni manifestano una presa di coscienza contro l'eccessivo uso di farmaci psicotici ai pazienti delle case di cura.

Nel 2013, il colosso farmaceutico Johnson & Johnson insieme a molte delle sue sussidiarie sono stati citati in giudizio dal governo in seguito a denunce secondo cui promuovevano in modo inappropriato farmaci antipsicotici nelle case di cura. Le parti hanno raggiunto un accordo del valore di oltre $ 2 miliardi di dollari. Nell'ambito dell'accordo, la sussidiaria J & J Janssen ha ammesso che i rappresentanti delle vendite promuovevano il farmaco antipsicotico Risperdal per controllare i sintomi della demenza nei pazienti anziani.

Una casa di cura in California è stata citata in giudizio per aver somministrato ai pazienti farmaci antipsicotici senza consenso informato. La controversia è stata alla fine conciliata per $ 655.000 nel 2013.

Nel 2018, una casa di cura del Tennessee ha conciliato una causa in cui la si accusava di aver somministrato farmaci in eccesso ai suoi pazienti anziani per renderli più facili da gestire. In particolare gli attori sostenevano che una paziente aveva ricevuto dosi massicce di farmaci antipsicotici ed ansiolitici, subendo di conseguenza gravi danni alla salute. La casa di cura ha accettato un accordo da $ 500.000.

Contatta il nostro studio oggi

Ritieni che un tuo parente in Italia abbia subito danni gravi a causa della somministrazione di farmaci in eccesso da parte di una casa di cura o RSA? Il nostro studio legale si occupa di gravi lesioni causate da negligenza ed abusi in casa di cura. Contatta il nostro studio per una consulenza gratuita con una delle seguenti modalità:

Ottieni consulenza gratuita

    Il tuo nome e cognome (richiesto)

    Il tuo numero di telefono (richiesto)

    La tua email

    Sintesi della vicenda e danno subito

    Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applica la Privacy Policy e Termini di servizio di Google.

    Siamo avvocati specialisti in risarcimenti danni

    Ti assistiamo in ogni fase del risarcimento
    Il pagamento? Soltanto a risarcimento ottenuto

    TORNA SU